Apertamente

di Giovanna Faggionato da Lettera43 del 29/6/2028 - Palazzo Chigi si auto promuove per i risultati raggiunti nel consiglio europeo del 28 e 29 giugno. «Direi che abbiamo ottenuto l'80%, trattando con 28 Paesi», è il bilancio finale del primo ministro Giuseppe Conte. Poche ore prima, fonti del governo avevano spiegato che con Macron era stato raggiunto l'accordo al 100%, poi però c'è stata la mediazione con Viktor Orban. Ed è lì che sarebbe stata eliminata l'obbligatorietà dei ricollocamenti. Il premier Conte ha incassato l'inserimento nel documento finale di un principio politico: «un nuovo approccio allo sbarco di chi viene salvato in operazioni di ricerca e soccorso, basato su azioni condivise o complementari tra gli Stati membri».

NO AL MODELLO AQUARIUS. L'idea, sottolineano dal governo, è che lo sbarco e l'accoglienza non siano più legati dall'automatismo. Ma l'accordo prevede comunque e ovviamente che venga rispettata «la norma del diritto internazionale». E quindi il principio del porto più vicino. Una bocciatura dunque dei precedenti stile Aquarius, con le imbarcazioni a percorrere centinaia di chilometri nel Mediterraneo. Una bocciatura della linea illegale di Matteo Salvini. Ma allora cosa cambia concretamente per il nostro Paese?
Conte Migranti Vertice Europeo
Il premier italiano Giuseppe Conte.

È una domanda che il giorno dopo si pongono in tanti tra i cronisti stranieri accorsi al Consiglio europeo, perché non riescono a darsi una risposta. Nelle conclusioni del vertice le azioni condivise e complementari per accogliere i migranti sono legate alla realizzazione di «piattaforme di sbarco regionali», da creare «in stretta cooperazione con i Paesi terzi interessati e con l'Unhcr (Alto commissariato Onu per i rifugiati) e l'Oim (Organizzazione internazionale delle migrazioni)».

RESTA LA BASE VOLONTARIA. Per ora tuttavia i Paesi terzi non si vedono all'orizzonte. A parte il sistema messo in piedi dall'Onu e dall'Oim per evacuare la Libia e portare parte dei richiedenti asilo in Niger, finora l'Ue ha incassato una lunga lista di rifiuti, dall'Algeria alla Tunisia. Poi però ci sono i migranti che vengono salvati e portati nel territorio dell'Ue e che, ripete il documento, «dovrebbero essere presi in carico sulla base di uno sforzo condiviso e trasferiti in centri sorvegliati istituiti negli Stati membri, unicamente su base volontaria».

Il premier iberico Pedro Sanchez ha spiegato che da loro i centri ci sono già e in effetti la proposta franco-spagnola partiva proprio dal modello Ceuta e Melilla

Il governo Conte teoricamente si oppone alla creazione di un centro sul territorio italiano. E allo stesso modo fanno la Spagna e la Francia. Il premier iberico Pedro Sanchez ha spiegato che da loro i centri ci sono già e in effetti la proposta franco-spagnola partiva proprio dal modello Ceuta e Melilla. Macron ha infatti subito dichiarato che i centri andranno fatti solo nei Paesi di primo ingresso. Conte lo ha pubblicamente smentito: «Era stanco, non c'è scritto da nessuna parte». E Conte ha perfettamente ragione sul fatto che non ci sia scritto, ma c'è qualcosa che anche lui evita di dire (leggi anche: Consiglio europeo, cosa ha detto Conte nella conferenza stampa finale).

QUINDI SI TORNA PUNTO E A CAPO. Per capire dove si faranno questi centri finanziati e gestiti dall'Unione europea, rimpatri compresi visto che a settembre la Commissione proporrà una riforma del sistema dei ritorni, bisogna tornare alle conclusioni. Che dicono, correttamente, che va rispettata la legge internazionale sul porto più vicino. E quindi si torna punto a capo. Gli sbarchi avverranno per lo più sul territorio italiano. E per ricollocare i migranti accolti serve prima lo screening tra rifugiati e migranti economici all'interno delle piattaforme di disimbarco.

OBBLIGATI A OSPITARE I CENTRI. Di conseguenza, se l'Italia vuole i ricollocamenti è obbligata a ospitare il centro. Questa è la nuda verità. È semplice logica. Che viene peraltro confermata a Lettera43.it da fonti della Commissione Ue. Certo, spiegano fonti Ue, non serve costruire centri nuovi, basta cambiare la gestione degli attuali hotspot, che verrebbero finanziati e gestiti dall'Unione europea. Conte potrà dire - come Sanchez - «li abbiamo già», ma non è quello che ha sostenuto finora. Se volesse essere coerente con le dichiarazioni fatte, dovrebbe rinunciare a vedere i migranti ricollocati.
Migranti: Ungheria, vittoria di Visegrad
Il primo ministro dell'Ungheria Viktor Orban al summit europeo.
ANSA

Il modello è di fatto quello voluto da Macron. Mentre sui movimenti secondari le frasi del documento finale sono esattamente quelle presentate dalla Commissione europea e benedette dalla Germania di Angela Merkel. «I movimenti secondari di richiedenti asilo tra Stati membri rischiano di compromettere l'integrità del sistema europeo comune di asilo e l'acquis di Schengen. Gli Stati membri dovrebbero adottare tutte le misure legislative e amministrative interne necessarie per contrastare tali movimenti e cooperare strettamente tra di loro a tal fine».

RIFORMA DI DUBLINO RIMANDATA. La Baviera dunque può varare il suo piano contro l'immigrazione clandestina con pieno appoggio da parte degli Stati dell'Unione europea. E se l'Italia non collabora si compromette Schengen. Cioè si possono chiudere le frontiere. L'Italia ha ottenuto l'impegno a riformare Dublino «sulla base di un equilibrio tra solidarietà e responsabilità tenendo conto delle persone sbarcate a seguito di ricerca e soccorso». Più chiaramente: nel calcolo delle soglie per far partire i ricollocamenti, verrà proposto di includere anche gli arrivi di migranti economici. Ma la riforma di Dublino è stata rimandata a data da destinarsi e in queste conclusioni i Paesi di Visegrad hanno ottenuto scritta su bianco che venga approvata all'unanimità: è quasi un requiem.

Tutte le navi operanti nel Mediterraneo devono rispettare le leggi applicabili e non interferire con le operazioni della guardia costiera libica
Dalle conclusioni del Consiglio europeo del 28 giugno

C'è però un altro punto delle conclusioni che il governo di Roma ha celebrato come una vittoria. Ed è quello su cui ha ottenuto un sostegno pieno dagli altri Stati membri: «Tutte le navi operanti nel Mediterraneo devono rispettare le leggi applicabili e non interferire con le operazioni della guardia costiera libica». Le stesse fonti di Palazzo Chigi sottolineano come una parte grossa della soluzione sta lì: «Il nostro obiettivo è ridurre gli arrivi, non siamo in emergenza, sono già calati da 150 mila dell'anno precedente a 20 mila», spiegano, omaggiando di fatto il lavoro del predecessore all'Interno Marco Minniti.

OMAGGIO AL LAVORO DI MINNITI. Alla fine dunque torniamo sempre lì: l'Europa tutta dà la delega a quella guardia costiera protagonista di tanti episodi di respingimento. Ed è questa la ricetta su cui Bruxelles e Roma, Parigi e Berlino, Budapest e Amsterdam, camminano appaiate.

 

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information