Apertamente

di Dimitri Bettoni da BalcaniCaucaso.org del 27/06/2018 - Le elezioni del 24 giugno hanno dimostrato definitivamente che non basta un regolare svolgimento del voto a definire democratica la legittimazione del potere. Con le elezioni di domenica scorsa la Turchia ha concluso il suo ciclo di trasformazione non solo da repubblica parlamentare a presidenziale, ma soprattutto da paese democratico ad autoritario. Certamente il presidente Recep Tayyip Erdoğan gode di un ampio consenso popolare che l'ha portato ad essere il più votato tra i candidati alle elezioni presidenziali. Certamente il suo partito AKP resta il più votato, conquistando la maggioranza parlamentare grazie ad un sodalizio politico con il partito nazionalista MHP. Eppure tutto ciò non è sinonimo di democrazia. Il paradosso turco sta nella definizione di nazione democratica per un paese nato sotto un regime monopartitico e che, per i decenni successivi all'introduzione delle elezioni, ha tenuto forzosamente ai margini della scena politica e civile una parte consistente e variegata della sua popolazione: religiosa e conservatrice, curda, alevi, armena... Gli effetti di questa marginalizzazione sono stati a lungo studiati e tra questi si contano: la radicata diffidenza tra i blocchi sociali e la loro difficoltà di comunicazione. Sulla scena politica ciò si traduce nella tendenza del vittorioso di turno al monopolio delle istituzioni statali e civili, occupando ogni spazio dal vertice dello stato fino alle cariche amministrative locali.
Non va dimenticato che il paese ha vissuto il suo periodo più autenticamente democratico proprio nei primi anni dell'era riformista dell'AKP. Bisogna allora fuggire dalla tentazione di pensare che l'odierna deriva autoritaria del conservatorismo religioso turco fosse inevitabile e che quindi la marginalizzazione di ieri fosse necessaria. È invece mancata una ricerca del dialogo e del compromesso che marginalizzi non interi blocchi ideologici, ma coloro che rigettano l'idea di democrazia come spazio di dignitosa convivenza delle diversità.
Il partito repubblicano CHP in questa campagna elettorale guidata da Muharrem İnce ha vissuto uno dei momenti più brillanti degli ultimi anni e ha superato, almeno nelle presidenziali, quella barriera psicologica del 30% che da tempo non varcava. Una barriera psicologica nata da 70 anni di monopolio repubblicano della scena politica e che ancora oggi è capace di generare diffidenza e tenere lontano gli elettori dall'alternativa ad Erdoğan. Anche perché il CHP dal 2002 non ha più avuto la possibilità del banco di prova e di dimostrarsi cambiato rispetto agli autoritarismi di un tempo, ad eccezione delle amministrazioni di alcune città e distretti.
Finché nella testa degli elettori il CHP di oggi resta il CHP di ieri (nel bene come nel male), questo sarà sempre bollato, nonostante i tempi e le condizioni siano cambiati, un partito di élite che controlla il potere attraverso l'esercito e non un partito di massa che costruisce democraticamente il proprio consenso. Non è un caso che anche in questa campagna, Erdoğan abbia fatto risuonare il messaggio “Attenti al CHP”, evocando timori non lontani nella memoria della gente.
A collegare la Turchia di ieri con la Yeni Turkiye di oggi, inaugurata ufficialmente con queste elezioni, c'è un altro filo conduttore. Muharrem İnce, nel suo discorso post elettorale, ha definito la Turchia con cui avremo a che fare d'ora in poi come il “regime di un uomo solo”, mentre alle sue spalle campeggiava l'immagine di Mustafa Kemal Atatürk. Il filo è quello che conduce dal fondatore dello stato turco a Recep Tayyip Erdoğan, dallo stato monopartitico del primo al partito-stato del secondo. È il culto del leader forte, tramandato di generazione in generazione anche attraverso il sistema scolastico, che solletica le paure e stuzzica la tentazione di affidare ogni cosa, anche per una certa pigrizia popolare, a colui che meglio sa come guidare il paese. La tradizionale riverenza kemalista nei confronti del Padre dei Turchi (Atatürk), spesso dai toni d'idolatria, trova la sua immagine riflessa nel culto del Reis (Erdoğan), che non a caso si è affermato sulla scena politica nella doppia veste di rivale ed erede di Kemal Mustafa.
Fatte queste premesse e tornando ad oggi, dopo queste ultime elezioni la Turchia si trova infine ad indossare quella veste autoritaria che Erdoğan ha cucito su misura per sé e per il suo partito.
La repubblica presidenziale turca cristallizza ancor di più quella monopolizzazione antidemocratica del potere cui si è accennato. Rende ancora più difficile ripristinare il percorso democratico che pure una volta era in corso, anche solo semplicemente perché sarebbe necessario recuperare l'assetto di pesi e contrappesi che rendono uno stato democratico, un processo che rischia di venire percepito (e attivamente dipinto da chi detiene il potere) come un ritorno al passato.
Le elezioni del 24 giugno hanno poi dimostrato definitivamente come non basti un regolare svolgimento del voto a definire democratica la legittimazione del potere. Nella giornata di domenica abbiamo assistito ad episodi antidemocratici e violenti: l'espulsione e l'arresto di osservatori locali e internazionali, la falsificazione di schede elettorali, lo scoppio di scontri armati nei pressi dei seggi.
Il giorno successivo si è concluso che sì, gli episodi di violenza e di brogli sono stati gravi, ma non tali da intaccare significativamente il risultato uscito dalle urne. Governo, opposizione, osservatori Osce, tutti concordi. Ma l'Osce, nella sua conferenza di Ankara, ha anche denunciato il clima sbilanciato a favore del governo di una campagna elettorale fatta di intimidazioni, arresti, occupazione degli spazi pubblici, occupazione dei media, manipolazione delle norme elettorali, dei seggi e delle circoscrizioni, utilizzo delle risorse pubbliche a favore del partito di governo. Tutto questo ha favorito Erdoğan ed impedisce di definire queste elezioni come eque e libere.
Non serviva il timbro Osce per questo, la deriva autoritaria era in corso da anni e giornalisti e studiosi ne hanno fatto una cronaca pressoché quotidiana. Le istituzioni internazionali devono porsi criticamente dinanzi al loro assistere passivamente al declino democratico di un paese.
Ma queste elezioni dimostrano anche che c'è una società turca viva e plurale a cui non si può voltare le spalle. Erdoğan ha raggiunto, mentre controlla la totalità dei media del paese e impone un regime di polizia, soltanto il 52% delle preferenze, non certo numeri da plebiscito. Significa che ripristinare media liberi ed diritti civili e politici della cittadinanza turca diventa oggi più che mai un imperativo per tutti, anche se ora sarà un compito ancora più arduo.

News - Europa

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information