Apertamente

di Roberto Roscani da Strisciarossa del 3/10/2018 - L’anniversario “tondo” è passato da poco eppure non se ne è parlato molto. Ottant’anni fa, il 5 settembre del 1938 il Re firmava a San Rossore (che è esattamente quel sintomo di imbarazzo e vergogna che avrebbe dovuto provare) le leggi razziste. Con una rapidità apparentemente straordinaria in pochi mesi di quel 1938 si era chiuso il cerchio dell’antisemitismo fascista che aveva radici profonde e autonome nel pensiero di Mussolini e che non è relegabile alla categoria del “servo encomio” verso l’alleato nazista, come per qualche decennio ha fatto comodo credere. Le leggi contenevano misure durissime contro la comunità ebraica italiana, sostanzialmente la cancellavano dalla collettività nazionale se non dal genere umano. Tra le norme c’era l’immediata espulsione dai ranghi della pubblica amministrazione. Erano docenti universitari, maestre elementari, funzionari delle dogane, impiegati di concetto, dirigenti sanitari, poliziotti, prefetti, bidelli… Di loro si conosceva pochissimo: qualche caso eclatante, qualche nome di rilievo (e sempre grazie a studi e ricerche condotte da storici e studiosi. Ora a metter luce sul quadro arriva un libro di Annalisa Capristo e Giorgio Fabre dal titolo “Il Registro. La cacciata degli ebrei dallo Stato italiano nei protocolli della Corte dei Conti 1938-1943” (Il Mulino): è il frutto di una ricerca archivistica che ha fatto “riemergere” i faldoni su cui la Corte dei Conti appuntava i decreti di espulsione dei dipendenti statali. Accanto ai loro nomi, scritta in rosso, la motivazione: “di razza ebraica” o semplicemente “ebreo”, “ebrea”. Sono più di settecento nomi, settecento storie diverse concluse allo stesso modo.
Due elementi colpiscono immediatamente davanti al lunghissimo elenco di “epurati”. Il primo è certamente la rapidità con cui il regime organizza la propria “macchina” razzista. Il 1938 è anno cruciale, si apre nei primi mesi con l’avvio di un ufficiale, ma poco propagandato, censimento dei dipendenti pubblici di “razza ebraica”. Censimento complesso con domande che guardano sia alla religione professata che alla “razza” dei propri genitori e all’indietro. Nel momento in cui vengono diffusi negli uffici quei questionari non hanno apparentemente alcuno scopo immediato ma costruiscono la trama con cui si agirà nel settembre con la proclamazione delle leggi razziste. E quel 1938 vede anche la trasformazione del ministero della Demografia in ministero della Demografia e della Razza, il “Demorazza” gestore e protagonista delle Leggi, la nascita del giornale “La difesa della Razza. L’Impero, proclamato nel maggio del 1936 aveva portato con sé il razzismo contro i neri e il 1938 lo salda con l’antisemitismo e con l’idea di una “razza italiana”, che trova una base “ideologica” nel “Manifesto” scritto dal regime (con l’impegno diretto di Mussolini) firmato ex post da numerosi scienziati e una conclusione normativa nelle leggi promulgate a settembre. In nove mesi si compie, senza suscitare nell’opinione pubblica né dubbi né ripulsa, il cerchio che Mussolini aveva tra i suoi progetti già da molto tempo già dal 1932, quando apparentemente la smentiva nel libro intervista a Emil Ludwig.
Il secondo elemento è rappresentato dalla straordinaria capacità persecutoria della macchina burocratico amministrativa che scatta talvolta persino in anticipo sulle leggi. Ci sono i fanatici dell’antisemitismo (Bottai per primo) quelli che inviano alla Corte dei Conti i decreti prima del tempo. Un lavoro complesso (la pubblica amministrazione aveva decine di migliaia di dipendenti e anche allora una complessità normativa non irrilevante) svolto a passo di carica e senza imbarazzi anzi con un filo di burocratica soddisfazione. I 700 che compaiono nel “Registro” vengono messi fuori dai ranghi, lasciati senza lavoro, con pensioni dimezzate, in qualche caso addirittura cancellate, con indennizzi ridicoli in un Paese nel quale non avrebbero più trovato lavoro. Messi sul lastrico e privati di ruolo sociale. Sì, perché gli ebrei italiani a partire dal risorgimento e dal 1861 erano stati una parte numericamente piccola ma non certo poco rilevante dello Stato. Uno Stato a cui la “questione romana” aveva dato un carattere laico che il Patti del 1929 avevano contribuito a incrinare.
Un ultimo appunto: nel “Registro” emerge tra i tanti nomi dei discriminati e espulsi quello di un commissario di Polizia, Guido Cammeo. Nulla di strano, direte. E invece no, perché l’ordine di espellere Cammeo fu scritto di pugno da Mussolini il 2 marzo del 1938 (sei mesi prima delle leggi razziste), quando il dittatore prese visione dei nomi degli ebrei che lavoravano in polizia (due in tutto) e vi trovò il suo. Questo funzionario era per il fascismo una bestia nera: comandava un drappello di guardie che nel 1921 impedì l’assalto alla Camera del Lavoro di Modena. Nello scontro a fuoco morirono otto squadristi. All’epoca e nei primi anni del regime in molti chiesero vendetta ma la polizia (lo Stato) tenne fermo il principio che poliziotti e Guardie Regie si fossero comportate correttamente. Cammeo ebbe una carriera fatta di scossoni e arretramenti, ma nel 1938 era ancora in servizio. Contro di lui non erano stati neppure utilizzate le norme che negli anni Venti avevano escluso dai ruoli dello Stato oppositori o “incompatibili col governo fascista”. Furono le sue origini ebraiche a far riemergere il suo nome e a far decidere a Mussolini un licenziamento nel marzo del 1938 che rimase nel cassetto del capo della polizia Bocchini fino al 2 settembre dello stesso anno quando le nuove norme (in realtà non ancora promulgate ufficialmente) rendevano legittima questa vendetta.
Il lavoro di Capristo e Fabre restituisce un quadro esatto e consente ora di riaprire anche gli altri capitoli della sorte degli ebrei nella complessa amministrazione pubblica italiana. Perché ai settecento individuati nei faldoni della Corte dei Conti ne andrebbero aggiunti molti altri: non passano, infatti, per i decreti della Corte i dipendenti statali con contratti non stabili cacciati senza neppure il disturbo di un provvedimento amministrativo o l’impiccio di un indennizzo, i dipendenti delle amministrazioni locali (comuni e provincie), quelli delle aziende pubbliche. E hanno un regime diverso i dipendenti militari (dai generali ai sottotenenti e giù giù ai marescialli) che quindi sfuggono a questo “Registro”. E si apre qui un campo di lavoro per storici e studiosi tutto da esplorare.
Ma c’è un ultimo elemento che questo libro ci restituisce. Ce lo ricordano, in modi diversi nella prefazione e nel saggio conclusivo, due storici come Michele Sarfatti e Adriano Prosperi. In quel tragico 1938 l’avvio dell’esclusione e della persecuzione antiebraiche, l’ideologia razzista e l’antisemitismo presero piede nel paese e nelle sue élite (cosa sono se non élite, i professori universitari, i magistrati, gli alti funzionari e dirigenti degli apparati tecnico burocratici i colleghi di quei sommersi e scacciati) innestandosi nell’ideologia fascista e nella macchina che il regime aveva ereditato dallo stato sabaudo e accresciuto e trasformato a sua immagine e somiglianza senza contraccolpi. Quelle scritte in rosso “di razza ebraica” vergate dalla Corte dei Conti accanto ai nomi degli espulsi furono chiuse dentro dei faldoni che riemergono solo ottant’anni dopo. Lo Stato, neppure quello repubblicano, ha voluto riprendere quelle carte e ricostruire la storia e la vita degli ebrei. Tra quelli che non emigrarono e che sopravvissero alla Shoah o che non si erano riscostruiti una vita del tutto diversa qualcuno tornò nei ranghi dell’amministrazione senza neppure il riconoscimento degli arretrati e delle carriere spezzate, senza le scuse e l’omaggio dovuti alle vittime.
E intanto qualcuno (Salvini per la precisione) propone il censimento dei rom e vedrete che tra un po’ si affaccerà anche l’idea di “mappare”, come si dice adesso, gli alunni divisi per religione magari con la scusa delle mense scolastiche. “Il Registro”, la testimonianza di questa efficientissima banalità del male e dell’indifferenza, va letto se non altro per ricostruire una memoria troppo a lungo sopita o chiusa nei faldoni.

News - Mondo

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information