Apertamente

di Liana Novelli da MicroMega del 2/1/2018 - Il libro di Carlo Scognamiglio ”Insegnare la catastrofe” è un grande contributo di sistematizzazione per tutti coloro che si occupano dello sterminio degli ebrei europei come oggetto di studio. È uno strumento prezioso per gli insegnanti che intendono trattarne il tema con lo stesso obiettivo dell’autore: far riflettere gli alunni ed accompagnarli nella ricerca di valori umani universali. L’autore ha avuto un’esperienza didattica fallimentare rispetto a questo fine. In una scuola secondaria romana gli alunni, commossi fino alle lacrime di fronte alla storia della Shoah, portati in un secondo tempo a parlare della situazione attuale del loro quartiere, finiscono col dire che i nomadi dovrebbero essere “bruciati vivi”. Qual’è allora il cammino da percorrere perché la scuola sia quello che deve essere, un luogo in cui la conoscenza e l’interpretazione dei fatti conduca ad una maturazione etica?
Il percorso delineato dall’autore è necessariamente complesso e deve essere affrontato da una molteplicità di prospettive, che cercherò di riassumere.

Sotto il profilo storiografico egli descrive quella che è ormai l’ipotesi prevalente: l’eliminazione fisica degli ebrei avviene a conclusione di un processo, che era iniziato con il piano del loro totale allontanamento dalla Germania, poi della deportazione in massa –ipotesi Madagascar -, infine, stante l’enorme numero di ebrei razziati dai paesi occupati, convertito nella “soluzione finale” decisa nel 1941. Della decretata soluzione finale approfittarono gli assassini a tavolino come Eichmann e Odilo Globocnik, che si proposero e agirono come organizzatori, coadiuvati da un esercito di collaboratori e agenti fisici dello sterminio. Scognamiglio esamina il lato psicosociale, che può spiegare il “carnefice in noi”, rimandando agli esperimenti di Zimbardo e Milgram.

Uno di questi esperimenti, basato su studenti divisi in gruppi di prigionieri e secondini, doveva durare due settimane, ma fu troncato dopo sei giorni perché l’immedesimazione dei secondini nel ruolo punitivo era arrivata a minacciare la stessa vita dei prigionieri. Essi vengono spogliati di ogni valore umano, ridotti a non persone: non hanno nome, né possono essere distinti tra di loro per come vestono. Vengono percepiti come nocivi e pericolosi, dunque da distruggere- (nei campi di concentramento vennero eliminati come insetti, una sorta di misura igienica). Dall’altra parte anche le guardie sono anonime, ma l’anonimato le protegge e le deresponsabilizza. L’azione degli agenti della Shoah dipende dagli ordini di istituzioni autorevoli di “esperti”, medici, personalità politiche, scienziati. L’individuo fa sue anche opinioni che ritiene false, se la maggioranza le avvalla: allora la deresponsabilizzazione raggiunge livelli altissimi. Già Le Bon e Freud avevano trattato questo fenomeno nella psicologia delle masse, che si identificano in un capo e gli demandano ogni decisionalità. Tra i collaboratori dello sterminio ci sono anche italiani e alle responsabilità italiane l’autore dedica un intero capitolo. Primo responsabile è il governo fascista, cui la campagna razziale offriva l’opportunità di affermare la superiore “razza italiana”, inventata per l’occasione dagli scienziati della “Difesa della Razza”, onde evitare la mescolanza con gli africani delle colonie.

Scognamiglio passa a smontare il mito del buon italiano: il buon italiano certamente ci fu e salvò i due terzi degli ebrei italiani, ma questo non giustifica l’assenza di proteste per le leggi del’38 (salvo rarissime eccezioni, la più nota è Benedetto Croce), né la generale disponibilità ad occupare i posti statali e privati da cui erano stati scacciati gli ebrei, ad approfittare delle aste dei beni a loro confiscati, ad occupare gli alloggi divenuti liberi e così via. Quanti hanno denunciato gli ebrei per incassare la taglia di 5.000 lire- 11.000 per quelli illustri, il che spiega la grande percentuale di rabbini deportati- , quante sedicenti guide li hanno venduti ai repubblichini invece di portarli oltre il confine svizzero, questo è noto a chi ha letto gli studi di Mimmo Franzinelli e Osti Guerrazzi ed è quanto mai opportuno che i programmi scolastici si occupino di questo infausto capitolo della nostra storia.

Alla favola degli italiani “brava gente” credettero per primi gli alleati, tanto è vero che non ritennero necessarie in Italia le misure adottate in Germania allo scopo di rieducarne la popolazione. Ad onta del grande consenso che ebbe il fascismo- anche tra gli ebrei- nessuno mise in dubbio la vocazione democratica degli italiani, certamente a seguito del movimento di liberazione, cui peraltro aderì una minoranza, importantissima per l'immagine del paese, ma che coinvolse al massimo il 10% della popolazione. Anche la ricostituita comunità ebraica contribuì alla creazione del mito e la brigata ebraica lo trasmise in Israele, dove è tuttora opinione comune, come ci riferisce Scognamiglio, che dedica un capitolo alla didattica della Shoah in Israele. Le vittime italiane sopravvissute, desiderose di essere reintegrate nella comunità nazionale, si guardarono bene dal lamentarsi e ringraziarono chi li aveva aiutati.

L’autore prende in esame il ruolo delle vittime, come fattore coadiuvante nella loro stessa disgrazia: esse tendono a negare gli eventi premonitori della discriminazione e la loro molto prevedibile pericolosità, pur di non abbandonare la visione del mondo in cui sono cresciute. Si lasciano letteralmente portare al macello, in alcuni casi assumendo persino il sistema di valutazione dei loro carnefici. L’autore cita il caso dell’ebreo cecoslovacco Mannheimer, che a distanza di molti anni racconta come la sua famiglia, quasi interamente sterminata, rifiuta di credere fin sulla soglia delle camere a gas. In effetti la Shoah è al di fuori di quanto è umanamente pensabile: i carcerieri stessi dicono alle loro vittime che, se anche ne potessero dare testimonianza, non sarebbero creduti. La sua unicità non si esaurisce però solo in questo, ma piuttosto nel modo con cui avviene, e l’autore sottolinea la burocratizzazione del sistema concentrazionario, la divisione del lavoro che vi regna. Queste caratteristiche della modernità persistono nel nostro mondo, dobbiamo dunque registrarne la portata. I nostri allievi devono dedurne che questo passato potrebbe ripetersi, dato che le condizioni in cui è avvenuto sono tuttora presenti.

La Shoah è unica, anche se vi sono stati e continuano ad esservi altri genocidi: paragonarli tra di loro equivarrebbe a ridimensionarne la portata, ad una rassegnazione al male, che è il fallimento di ogni pedagogia.
Inoltre rinunceremmo a ricercare le cause specifiche degli eventi storici, tema centrale dell’insegnamento. Quali sono le origini dell’antisemitismo? Religiose? Culturali? Cerchiamo un capro espiatorio su cui proiettare le nostre disgrazie? Ci fa paura chi è diverso da noi? Una storia dell’antisemitismo è irrinunciabile all’interno di una didattica, che insegni a riconoscere gli atteggiamenti ed i pensieri che conducono alla discriminazione. In questa ottica si può indagare il fenomeno del bullismo- che l’autore definisce creazione del subalterno-, prima ancora che si manifesti umiliando soggetti considerati inferiori.

Nell’affrontare il tema della Shoah si devono sottolineare i diversi gradi dei fenomeni di intolleranza, discriminazione e persecuzione esaminati nei vari paesi nel corso del tempo, dato che l’alunno deve imparare a differenziare il peso degli eventi storici, deve per esempio accorgersi di come l’antisemitismo italiano sia stato artificialmente costruito e come anche il diffuso antisemitismo tedesco non abbia mai toccato i livelli dell’Est europeo. Deve inoltre imparare a vagliare le testimonianze, della cui rilevanza dubitano gli stessi sopravvissuti, proprio perché in qualche modo privilegiati o capaci di pensare a strategie di sopravvivenza (v. Primo Levi “I sommersi e i salvati”) e a valutarle secondo il loro peso.

Questo libro ci ricorda sostanzialmente che il compito dell’insegnante è complesso e che la capacità di pensare la complessità deve essere trasmessa nella scuola e in ogni luogo. Un sentito ringraziamento all’autore, che, sulla base di una vastissima e profonda conoscenza del tema, ce ne ha dato un saggio.

News - Mondo

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information