Apertamente

di Federico Bellono da Sbilanciamoci.info del 10/10/2017 - Il lavoro ha subito un processo di rimozione: al centro c’è l’impresa, i cui interessi vengono fatti coincidere con l’interesse generale. L’introduzione del libro ‘Gente di fabbrica. Metalmeccaniche e metalmeccanici nel nuovo millennio’. ‘Il lavoro non esiste’. Questo titolo provocatorio nasce da un episodio che mi è capitato in una nota libreria del centro di Torino, dove ho chiesto all’addetto del reparto di saggistica in quale scaffale si trovassero i titoli sul lavoro: mi ha guardato stupito, indirizzandomi prima al reparto economia e management, e poi aggiungendo che qualcosa avrei forse trovato anche nel reparto sociologia. Come se il lavoro fosse solo un addendum di qualcos’altro… La verità è che, al di là delle statistiche e delle polemiche politico-sindacali, il contenuto del lavoro è dato quasi sempre per scontato, prevalgono luoghi comuni e approssimazione.
In realtà il lavoro ha subito un processo di rimozione: al centro c’è l’impresa, i cui interessi vengono fatti coincidere con l’interesse generale.
Ma impresa e lavoro non sono la stessa cosa, possono avere obiettivi comuni, ma farli coincidere è sbagliato, ancorché strumentale, perché impedisce di vedere contraddizioni e conflitti, inevitabili in presenza di ruoli e interessi sociali differenti. E, soprattutto, impedisce di vedere come in questi ultimi decenni l’equilibrio si sia spostato verso l’impresa, in termini di potere e di distribuzione delle risorse.
La svalorizzazione del lavoro è nella sua scomparsa dal discorso pubblico.
Non sembri paradossale, ma le poche occasioni, tra quelle in cui sono stato coinvolto da sindacalista, dove, raccontando il lavoro, si sia andati oltre un’attenzione superficiale, sono state l’accordo imposto dalla Fiat a Mirafiori – con il tema delle pause in catena di montaggio, per esempio – e il processo per i morti di amianto all’Olivetti, l’impresa perfetta che in realtà non è mai esistita, dove i magistrati hanno dovuto ricostruire in dettaglio che cosa facevano le persone in fabbrica. Due pessime, anzi drammatiche occasioni, insomma, benché a loro modo emblematiche. Eppure, per restituire ai lavoratori la visibilità che meritano, occorre ripartire da loro stessi, da quello che fanno tutti i giorni, dalla qualità e intensità della loro prestazione e del loro impegno, dai problemi e dalle opportunità che ne derivano, dalle frustrazioni e dalle aspettative che si creano e che segnano la vita delle persone.
L’area torinese, ancora tra le più significative dal punto di vista industriale a livello europeo, ben rispecchia tendenze più generali. E la manifattura, che pure rappresenta solo una parte del mondo del lavoro, comprende mansioni e professionalità anche molto diverse, che nel tempo si sono profondamente modificate: dall’operaio al progettista, dall’impiegato amministrativo all’informatico.
Torino e i suoi metalmeccanici, quindi, sono tuttora dei punti di riferimento da cui chi si occupa di lavoro non può prescindere: innanzitutto perché sono ancora tanti – 120.000 mila – e poi perché le loro storie sono significative di come il lavoro industriale sia cambiato in questi anni e di come cambierà in futuro. Una presenza tuttora ingombrante, fatta di crisi, vertenze, conflitti e accordi: storie collettive, insomma, spesso di resistenza. Ma anche tanta solitudine, con sacrifici economici, perdita di diritti e di ruolo sociale. E una dignità che non viene meno neanche in tragedie come quella della Thyssen, uno dei tanti spartiacque di questi ultimi decenni torinesi, come pure la sconfitta operaia dei trentacinque giorni alla Fiat, troppo presto rimossa.
I metalmeccanici torinesi non sfuggono ai mutamenti di questi anni, dovuti all’innovazione tecnologica e alla globalizzazione, e al venir meno di quel compromesso tra capitale e lavoro che ha lasciato dietro di sé lavoratori impoveriti e troppo spesso soli, e capitali che invece hanno acquisito una capacità di movimento pressoché illimitata.
A Torino più che altrove si percepisce una condizione che oscilla tra costrizione e ricerca di libertà. Ci sono situazioni che non smettono mai di stupirmi: nella fabbrica torinese per antonomasia esiste la consuetudine da parte della Direzione – altrove inconcepibile e un po’ surreale – di presenziare alle assemblee sindacali, con i capi del personale o con gli addetti alla vigilanza. Naturalmente con il nobile scopo di garantire la sicurezza di tutti…
Di recente, poco prima dell’inizio di un’assemblea una guardia mi si è avvicinata, mi ha chiesto cordialmente le generalità e la conferma che fossi l’oratore ufficiale. Poi si è seduta, in posizione un po’ defilata, e ha scritto, con zelo e velocità da stenografo, tutto – ma proprio tutto – quello che si è detto! Eppure si pensa che la stagione dei controlli e delle schedatura di cui tanto si è occupata Bianca Guidetti Serra appartengano a una stagione passata.
A Torino poi la crisi ha picchiato duro: rimettere in moto la manifattura piemontese sembra più difficile che altrove, per la presenza di filiere produttive “mature”, come l’auto, più soggette di altre al rischio di deindustrializzazione.
Allo stesso tempo si tratta di uno dei settori industriali a più alto tasso di innovazione. Il fondo del barile è stato toccato nel 2009, e da allora è iniziata la risalita, lenta, però, e senza slancio. Anche per le scelte strategiche dell’unico costruttore nazionale di auto che hanno reso Torino e l’Italia la “periferia dell’impero” del gruppo.
Il Piemonte, dunque, e Torino in particolare, hanno pagato un prezzo pesante alla crisi iniziata nel 2008: sono oltre 60.000 i posti di lavoro perduti nell’intero periodo, perlopiù nell’industria manifatturiera.
Questi processi sono tutt’altro che conclusi, una ripresa vera e duratura non si vede, la delocalizzazione dei processi industriali e degli investimenti continua, mentre questi ultimi sarebbero decisivi per non perdere il treno dell’innovazione, unico vero antidoto alla riduzione del lavoro disponibile.
Intanto un discorso serio come l’Industria 4.0 – termine con cui si indica la tendenza dell’automazione industriale a integrare nuove tecnologie per aumentare la produttività degli impianti e la qualità dei prodotti – viene agitato come la panacea di tutti i mali, mentre, come ogni salto tecnologico, porta con sé potenzialità ma anche grandi problemi, a partire dal fatto che riduce drasticamente il lavoro umano necessario.
In ogni caso un quarto dell’export è rappresentato dai mezzi di trasporto, una quota tra l’altro cresciuta tra 2007 e 2015. Dopo la contrazione dei volumi della produzione di auto in Italia, la filiera automotive sta tornando a crescere, e in Piemonte si concentra in linea di massima poco meno della metà di tutta la componentistica auto made in Italy.
L’industria torinese tiene grazie alle sue eccellenze: oltre all’automotive non si può non citare il settore aerospaziale. Questo processo ha però scavato una trincea tra le aziende che sono ripartite e quelle che invece arrancano. E questa trincea separa anche i lavoratori, in un mercato del lavoro polverizzato e sempre più precarizzato, dove le condizioni di lavoro e contrattuali sono le più diverse.
Insomma, se tanti provano a dire cos’è oggi l’industria torinese, noi più modestamente proviamo a dire chi sono oggi i lavoratori metalmeccanici, anzi glielo facciamo raccontare in prima persona, al di là e oltre le statistiche. L’idea non è quella di un racconto segnato dal punto di vista ideologico, con l’obiettivo di dimostrare una tesi precostituita, ma quella di guardare la condizione di lavoro senza paraocchi, che non vuol dire in modo asettico o neutro: cercare di vederne – attraverso storie individuali – i cambiamenti, cioè i miglioramenti ma anche le vecchie e le nuove criticità.
Colpisce, ma non più di tanto, che ci sia ancora chi si sente dire – come il protagonista di una delle storie qui raccontate – «non sei pagato per pensare».
Ecco: per non parlare in astratto occorre partire dal fatto che i lavoratori sono una risorsa per quello che fanno ma anche per quello che pensano. Con una convinzione: la società, l’economia, e non solo i diretti interessati, non possono che beneficiare di una tensione – tutt’altro che scontata e lineare – al miglioramento della condizione del lavoro, tanto più in un settore come la manifattura che, non solo a Torino, deve rimanere centrale anche per gli anni a venire.
Non un omaggio, quindi, a una storia in esaurimento, ma il racconto di una parte importante del presente e del futuro del lavoro.

News - Economia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information