Apertamente

di Federico Tenca Montini da BalcaniCaucaso.org del 7/08/2018 - Pochi libri trovano immediato riscontro nella cronaca come l’ultimo lavoro di Dejan Jović, dedicato al ruolo della guerra combattuta negli anni Novanta nelle narrative ufficiali della Repubblica di Croazia.
Laddove una parte importante dell’opera consiste nella descrizione delle pressioni esercitate dal mondo della politica e dagli apparati di Stato perché il conflitto venga definito come esclusivamente difensivo, solo pochi giorni dopo l’uscita del volume si è consumato il suicidio del generale croato Slobodan Praljak, un gesto teatrale compiuto nello sforzo estremo di evitare una sentenza in grado di acclarare il coinvolgimento dell’esercito regolare croato nel conflitto in Bosnia. Il testo trae l‘abbrivio dalla nota tesi per cui la riforma costituzionale jugoslava del 1974 avrebbe innescato un processo di nation building nelle varie Repubbliche. Nel momento in cui la caduta del muro di Berlino e la conseguente riunificazione tedesca segnalarono tanto la necessità del mondo ex comunista di adeguarsi alle forme dello stato democratico quanto la possibilità di una revisione degli assetti geopolitici della Guerra Fredda, la Jugoslavia entrò in crisi. Nella Federazione infatti la prospettiva di un orientamento democratico fece temere alle repubbliche più piccole di trovarsi in minoranza rispetto al blocco serbo, e alle varie minoranze di trovarsi prive dei diritti concessi dal governo comunista. Un simile timore innescò la secessione tanto delle Repubbliche rispetto alla Jugoslavia quanto delle minoranze nei confronti delle Repubbliche (vennero creati infatti territori secessionisti a base etnica quali la Republika Srpska Krajina, la Herceg Bosna e altri).

Dejan Jović: RAT I MIT. POLITIKA IDENTITETA U SUVREMENOJ HRVATSKOJ. Zagreb, Fraktura , 2017, 416 pagine.
Venendo allo specifico croato – l‘autore stesso indica peraltro che i processi innescati in Serbia furono, almeno per gli anni Novanta, assai simili – Jović mette in evidenza il sostanziale debito della leadership nazionalista rispetto al precedente sistema politico comunista, di cui vengono conservate sia le strutture che, soprattutto, i metodi. È questa fondamentale continuità di sistema a permettere l‘ingresso di 97.000 ex membri della Lega dei comunisti di Croazia nell‘HDZ (nell‘SDP ne sarebbero confluiti appena 46.000) (p. 240), partito che si può dunque considerare il vero successore di quello comunista. In perfetta coerenza con il principio stalinista dell’autodeterminazione, alla leadership croata, capeggiata da Tuđman (che ancora nel 1989 dichiarava di essere “croato, marxista e rivoluzionario”), non rimaneva che porre la nazione a obiettivo della palingenesi rivoluzionaria innescata dalla guerra, conflitto che in Croazia viene significativamente definito “Guerra patriottica”(Domovinski rat), lo stesso nome con cui la Seconda guerra mondiale era nota in Unione Sovietica (p. 189).
Delle transizioni iniziate negli anni Novanta, l’unica a rimanere consistentemente è quella “dalla guerra alla pace”, vale a dire la creazione di una società plurale e di un sistema politico effettivamente democratico. Come nella Jugoslavia socialista l’élite al potere aveva avocato a sé la funzione di arbitro, come conseguenza del ruolo svolto nella creazione dello Stato attraverso la guerra partigiana rivoluzionaria, così nella Croazia indipendente tale ruolo è stato assunto dall’HDZ e dai reduci, cui è garantito uno status privilegiato
Il risultato di simili premesse è quella che si può descrivere come una rivoluzione nazionale permanente (l’autore cita come affine l’esempio della Turchia kemalista), il cui obiettivo è l’illimitata omologazione ideologica e nazionale della popolazione. Il lavoro di Jović offre un’agevole chiave di lettura per aspetti della società croata che all’estero vengono tendenzialmente ignorati o fraintesi.
In Croazia l’interpretazione della Guerra patriottica è infatti tutelata da un atto parlamentare, la Dichiarazione sulla Guerra patriottica approvata nel 2000. A riprova del fatto che in tempi recenti la situazione non sia migliorata, ancora nel 2014 il segretario di HDZ e all’epoca leader dell’opposizione Tomislav Karamarko ha dichiarato che “chiunque a casa sua potrà pensare ciò che vuole, ma pubblicamente dovrà rispettare i valori fondamentali dello Stato croato: la Guerra patriottica, i branitelji, i nostri morti, Franjo Tuđman e Gojko Šušak” (p. 213).
Ancora più recentemente, lo schema interpretativo descritto nel libro offre validi spunti di interpretazione sulla singolare protesta di un gruppo di veterani che, accampatisi illegalmente di fronte al ministero dei Reduci di guerra a Zagabria nell’ottobre 2014, vi rimasero per 555 giorni, ovvero fino alla formazione di un governo di centro-destra guidato da HDZ, dopo aver indebolito in vari modi la posizione del precedente governo a guida socialista, proclamato “antipopolare”.
Infine, l’evidente recrudescenza di fenomeni di tipo autoritario all’indomani dell’ingresso della Croazia nell’Unione Europea nel 2013 trova un riscontro nell’interpretazione per cui le politiche di omologazione nazionale ed ideologica connaturate alla leadership croata fossero state attenuate proprio con il fine di completare simbolicamente l’indipendenza nazionale con la partecipazione alla UE e alla NATO, che ha in qualche modo sancito l’allontanamento del paese dai Balcani.
Poiché la valutazione della candidatura della Croazia includeva la verifica delle sue credenziali democratiche, è proprio all’indomani dell’adesione che le politiche descritte sono state perseguite con rinnovato vigore. Dal momento che il rapporto della Commissione europea sulla Croazia del 7 marzo 2018, nel criticare “l’esistenza di categorie privilegiate come quella dei reduci di guerra” sembra quasi recepire alcune delle critiche di Jović, sarà interessante vedere come evolverà la situazione.
*Federico Tenca Montini, dottore di ricerca in storia contemporanea presso le università di Teramo e Zagabria e autore di svariati saggi su riviste scientifiche italiane, slovene e croate

News - Cultura

Galleria fotografica

Consigliati

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi

Guardare al futuro. La politica contro l’inerzia della crisi
di Franklin D. Roosevelt - a cura di Giuseppe Amari e Maria Paola Del Rossi; prefazione di James K. Galbraith; Roma: Castelvecchi Editore, p. 340.

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information