Apertamente

di Matteo Zola da Easy Journal del 12/07/2017 - Ci sono parole in cui si racchiude un tesoro, forziere di orizzonti in cui si trova un’eredità inesauribile, ricchezza da spendere e dissipare, perché è la ricchezza della speranza. Questo è quanto ci hanno lasciato due uomini, tra loro diversi, che forse mai si sono conosciuti: Luca Rastello e Alexander Langer. Se ne sono andati entrambi, in modi diversi, in questi primi giorni di luglio, ed entrambi sono costante ispirazione e modello per molti di noi, e per questo vogliamo ricordarli insieme. Con la loro fragile tenacia hanno spinto lo sguardo oltre gli steccati e i muri che gli uomini e la storia hanno costruito, cercando di costruire ponti, di alleviare la pena, di descrivere e individuare una via d’uscita, un’alternativa. Le guerre balcaniche sono state il loro crocevia. Luca Rastello è stato uno dei migliori giornalisti italiani, aveva intelligenza, onestà, e la tenacia di andare in fondo alle cose ficcandosi a testa in giù dentro i problemi per comprenderli e farli comprendere. Non era uno di quelli che si vedono in televisione, non aveva verità da rivelare né facili soluzioni da proporre. Il suo La guerra in casa è stata per noi una lettura propedeutica allo studio dei Balcani contribuendo a darci quell’alfabeto emotivo con cui oggi possiamo tradurre altri conflitti, altre tragedie umane, e che opera dietro ogni parola che scriviamo, tale da togliere al linguaggio e al pensiero quelle freddezze analitiche cui altrimenti si sarebbe facilmente tentati. Senza quel libro, forse oggi noi non saremmo qui a scrivere e raccontare. Il nostro giornale è dedicato alla sua memoria. Una dedica, e quindi una appartenenza, che ci impegna quotidianamente.

A muoverlo era l’ostinata curiosità verso il mondo e le sue epifanie, anche le più terribili, che penetrava senza mai giudicarle. I suoi libri – da Io sono il mercato, sui segreti del narcotraffico, a Binario morto, sulla vanità dell’alta velocità – sono tutti segnati dalla sua grande capacità di portarti dentro le cose, di poterle vivere con lui al punto che, quasi quasi, alla fine ti sembrava di conoscerlo anche un po’, Luca. Il legame intellettuale con la sua opera è, giocoforza, anche un legame in certa misura “affettivo”. Negli anni della malattia, ha continuato nel suo lavoro, con il sorriso, vivendo e criticando la realtà, figlio di una Torino che obbliga, piaccia o no, al rigore e all’onestà intellettuale. Era una voce libera e scomoda, difficile da digerire, terribilmente coerente – si legga il suo ultimo libro, I buoni – ma era anche, nella crudezza della denuncia, profondamente rispettoso del dolore e le tragedie degli altri. Perché c’è sempre una persona dietro a una storia, ed è la persona che viene prima. Quando se ne è andato, il 6 luglio del 2015, non se ne è andato davvero. Per sua stessa ammissione ha detto che di là, lui, non ci avrebbe messo piede. Sarebbe rimasto dietro la curva, appena poco avanti, celato allo sguardo ma presente lungo questa strada che dobbiamo percorrere, fermamente persuaso che “ogni volta che un uomo sorride, ma più ancora quando ride, aggiunge un granello a questo breve frammento che è la nostra vita”.

Il sorriso, timido ma sereno, di Alexander Langer è già una dichiarazione politica. Morto il 3 luglio del 1995, quando eravamo bambini e alcuni di noi nemmeno erano al mondo, ci ha dato una lezione politica e morale così potente che oggi tutti, anche senza saperlo, siamo suoi allievi. Il suo messaggio lo ha superato, si è amplificato, approfondito, facendosi coscienza condivisa per molti, e sicuramente per noi che qui scriviamo. Langer ci ha insegnato la vanità degli steccati etnici, l’impossibilità di una società rinchiusa in piccole patrie, la miseria che nasce dalla separazione invocata dai nazionalismi grandi e piccoli della nostra epoca. La sua coscienza sociale e politica, è la nostra, è di chi non vuole arrendersi ad accettare la frantumazione. Essere “più lenti, più profondi, più dolci” è un insegnamento di cui solo ora, a più di vent’anni dalla sua morte, comprendiamo il valore e la portata.

Langer, cresciuto nell’eccezionalità sudtirolese, aveva capito prima di tutti le storture dell’epoca in cui viviamo, dedicando la sua vita a indicare strade alternative, costruendo ponti mentre intorno a lui si costruivano muri. Il ponte, metafora della sua stessa esistenza, è per noi obiettivo di lavoro, motivo di impegno, ragione del nostro scrivere. E i muri continuano a essere eretti anche oggi nel cuore di quell’Europa in cui Langer ha creduto e che ha messo con le spalle al muro, inchiodandola alle sue responsabilità: “L’Europa muore o nasce a Sarajevo“, aveva detto ai potenti riuniti a Cannes pochi mesi prima di togliersi la vita su un ramo di albicocco. “Non siate tristi, continuate in ciò che è giusto” sono state le sue ultime parole.

Il ricordo di Luca Rastello e Alexander Langer è, per noi, più che una memoria da conservare. E’ la ragione del nostro umile lavoro, l’orizzonte ideale e morale verso cui ci rivolgiamo, è presente e viva nel nostro limitato agire. Camminiamo lungo il solco che hanno tracciato, li seguiamo per la strada che hanno percorso e nella direzione che ci hanno indicato. E quando ci sentiamo soli andiamo a cercare quel granello di speranza che ci hanno lasciato, quel frutto di albicocca finalmente maturo, e sappiamo che loro ci sono. E non li lasceremo andare.

News - Cultura

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information