Apertamente

di Giulia Albanese da Patria Indipendente del 3/10/2017 - 95 anni fa la marcia su Roma: la fine dello Stato liberale italiano. Il succedersi degli eventi dal 27 al 31 ottobre 1922. Il “gran rifiuto” da parte del re di firmare lo stato d’assedio. Quando il 30 ottobre 1922 Benito Mussolini arriva a Roma gli squadristi non sono ancora entrati nella capitale, aspettano sotto la pioggia un ordine e una legittimazione ad entrare e ‘occupare’ la capitale dal capo del fascismo, che li fa attendere. La legittimazione a dimostrare la forza e la presenza sul territorio della capitale arriva, insieme alla nomina di Mussolini alla presidenza del Consiglio dal Re, cui la dimostrazione degli squadristi, con anche la rivista da parte del sovrano, viene messa come condizione per la pacificazione fascista del Paese. A quel punto, il 30 ottobre, la marcia è già successa, anche se la sfilata delle squadre nella capitale avverrà solo il giorno successivo. A partire infatti dalla sera del 27 ottobre, e poi con più forza dalla notte e dalla mattina del 28, comincia infatti il piano d’azione più volte rimaneggiato e poi definito dai capi fascisti alcuni giorni prima al congresso nazionale di Napoli.

Il piano prevede un doppio movimento: in un primo tempo l’occupazione con la forza di quei territori che non siano già sotto il controllo dei fascisti o di forze governative che ai fascisti non pongano problemi, e in un secondo momento la conquista del potere nazionale, con l’attacco alla capitale. Se il secondo punto cambia parzialmente, ma non completamente, come vedremo, d’indirizzo, il primo invece viene realizzato non senza conflitti anche letali con le forze dell’ordine. Tutto questo malgrado, come è noto, il sovrano rifiuti di firmare lo stato d’assedio decretato dal dimissionario governo liberale di Luigi Facta nella notte tre il 27 e il 28 ottobre. Le squadre attaccano e cercano il controllo delle stazioni e degli uffici postali, per controllare le comunicazioni tra centro e periferia, laddove sanno di poter contare sull’acquiescenza del governo locale, e occupano e costringono alla dimissioni i sindaci e i consigli comunali laddove non godano di questa compiacenza.
Per approfondimenti sul tema, si suggerisce la lettura di questo testo della professoressa Giulia Albanese (Laterza 2006, 304 pagine)

Nella mattina del 28 ottobre le cose sono più complicate, perché lo Stato d’assedio introduce un elemento di incertezza nelle forze dell’ordine spesso portate alla collaborazione del fascismo, tutto questo crolla con la dichiarazione del re, ma in questo momento i fascisti alzano la posta in gioco, talvolta cercano di occupare le caserme o di allargare i loro spazi d’azione, e non sempre le forze dell’ordine reagiscono favorevolmente. E’ il caso di Bologna, dove il generale Sani non accetta l’insubordinazione fascista e muoiono alcuni fascisti. L’occupazione di quanto rimaneva dei comuni non filo fascisti o comunque non antifascisti, fa sì che, nel momento in cui Mussolini guadagna il governo, egli abbia nelle proprie mani sostanzialmente anche il potere locale in gran parte del Paese: un potere locale che gli può essere alternativamente favorevole, o che può essere benignamente neutrale, a prescindere da quale sia stato il democratico esito delle elezioni locali.

La marcia dei fascisti nella città di Roma il 31 ottobre 1922, comunque, non è solo coreografica, anche se non è un’occupazione militare della città, ma una rassegna delle squadre da parte del sovrano e dal neo presidente del consiglio (seguita da scontri anche letali tra fascisti e antifascisti nelle ore successive). La marcia è infatti una dimostrazione di forza del fascismo, che riesce a far sfilare molti meno uomini di quanto affermato, ma comunque circa 50.000, alcuni arrivati all’ultimo momento, quando la vittoria è già sicura. Uomini armati, malgrado non abbiano nessun diritto formale ad esserlo, che si sono macchiati di insubordinazione nei confronti delle autorità civili e militari e che spesso sono anche responsabili di violenze private e politiche contro avversari di vario grado, e fino all’omicidio.
Roma, 31 ottobre 1922: sfilano alla testa alle squadre armate fasciste Benito Mussolini, Emilio De Bono, Cesare Maria De Vecchi e Italo Balbo

La marcia è quindi una dimostrazione di forza ma è anche un momento di legittimazione di quegli uomini, delle loro azioni e della loro organizzazione paramilitare da parte della più alta autorità del Paese, il sovrano, che è il principale responsabile dell’evoluzione politica del Paese. Il peso dell’azione è dimostrato poi anche con la forza con la quale Mussolini può imporre le sue minacce ai suoi alleati di governo, un governo che com’è noto, è un governo di coalizione, e allo stesso Parlamento. Senza la marcia su Roma, Mussolini non avrebbe mai potuto pronunciare frasi come quelle che effettivamente pronunciò il 16 novembre 1922 nel corso del discorso noto come il ‘discorso del bivacco’ e che sono oggi ampiamente note:

“Potevo fare di questa Aula sorda e grigia un bivacco di manipoli: potevo sprangare il Parlamento e costituire un Governo esclusivamente di fascisti. Potevo: ma non ho, almeno in questo primo tempo, voluto.”

La marcia legittimava quindi la minaccia e l’uso della forza, due strumenti che resero immediata la forza extralegale di quel governo che, grazie anche a questi strumenti riuscì a far votare leggi liberticide, come la censura della stampa; a porre le basi per la stabilizzazione del potere fascista, come la legge Acerbo (che dava la maggioranza assoluta di voti alla lista che avesse ottenuto il 25% dei voti) e ad attuare una rottura dell’ordine dello Statuto albertino stabilendo, per legge, che la Milizia volontaria della sicurezza nazionale, ossia la forma istituzionalizzata delle squadre fasciste, dovesse giurare fedeltà solo al presidente del consiglio e non al re, come invece era dovuto a tutte le forze armate dello Stato.

È per questo che oggi si può dire che con la marcia su Roma finì lo Stato liberale italiano, malgrado ulteriori passaggi avrebbero rafforzato e peggiorato la dittatura fascista negli anni successivi, e che la marcia su Roma, che pure nella sua parte finale ebbe un valore soprattutto simbolico, non fu né una manifestazione come tutte le altre, né una pagliacciata.

Giulia Albanese, professore associato di Storia contemporanea presso l’Università di Padova

News - Italia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information