Apertamente

di Vincenzo Comito da Sbilanciamoci.info del 25/9/2017 - La progressiva liquidazione del sistema della grande impresa italiana, con la chiusura di alcuni gruppi e il ridimensionamento di altri, si arrichisce di un nuovo capitolo, con gli ultimi sviluppi della vicenda Fiat
La progressiva liquidazione del sistema della grande impresa italiana, con la chiusura di alcuni gruppi, il ridimensionamento di altri, l’acquisizione infine di gran parte di quelli residui da parte del capitale straniero, senza che almeno quello nazionale riesca a impostare una qualche dignitosa e parallela risposta con acquisizioni nei paesi esteri, appare ormai quasi giunta al suo stadio finale. Siamo arrivati al punto che quando qualche impresa nostrana (ma sono sempre meno) ci prova, viene pesantemente ripresa, come mostra il recente caso Fincantieri-STX, affare i cui risvolti finali temiamo si riveleranno per noi come molto negativi. Il libro che il professor Giuseppe Berta ha pubblicato di recente sul tema della scomparsa delle nostre grandi strutture (Che fine ha fatto il capitalismo italiano?, Il Mulino, 2016) sembra apportare una parola definitiva in proposito. Possiamo solo sperare con l’autore che le imprese di minori dimensioni riescano ancora a tenere la rotta, in un quadro mondiale che si fa per noi sempre più complicato.
Questo processo di liquidazione della grande impresa si è svolto, come è noto, nella sostanziale indifferenza delle classi dirigenti nazionali a livello politico, economico e finanziario; esse hanno avuto un peraltro squallido sussulto di lesa maestà soltanto quando di recente sono stati in qualche modo minacciati gli interessi del Cavaliere.
In tale quadro, è in queste settimane venuto di nuovo alla ribalta il caso della FCA, gruppo peraltro già sostanzialmente e definitivamente fuggito, tra gli applausi di molti politici, verso altri lidi. Si tratta oggi di un approfondimento, per così dire di un secondo stadio, nel suo processo di allontanamento dal nostro paese.
Si è parlato dunque qualche settimana fa di un interesse di alcune imprese cinesi verso il gruppo, cui è seguita anche la notizia di una palese volontà da parte della famiglia Agnelli, del resto sempre più lontana da una qualche attenzione verso l’Italia, di sbarazzarsi delle azioni dello stesso gruppo, magari vendendolo anche a pezzettini ed eventualmente anche collocandone in borsa qualche residuo.
La notizia ci fornisce l’occasione per cercare di fare il punto sulla situazione dell’azienda, nell’ambito delle profonde trasformazioni che stanno toccando il settore, trasformazioni che vedono in prospettiva la FCA sempre più emarginata.
Le novità in atto nel settore
Intanto a livello mondiale va accelerandosi il passaggio alla propulsione elettrica, o almeno ibrida, delle vetture, mentre appare sempre più in crisi quella diesel – minata dai recenti scandali e dai problemi di inquinamento- e in prospettiva anche quella a benzina; parallelamente, anche se forse con qualche decalage temporale, va avanti la tecnologia relativa alla guida automatica.
Certo, non bisogna sottovalutare le difficoltà che ancora si frappongono al pieno successo di tali novità, né la gradualità del processo, ma la loro marcia appare inesorabile. Intanto si fanno pure avanti le tecnologie a idrogeno, anche in collegamento a quelle elettriche, nonché le innovazioni legate al cosiddetto “internet delle cose”.
Vanno anche segnalati, su di un altro piano, il sempre più ridotto interesse che le giovani generazioni, in particolare nei paesi occidentali, mostrano per l’acquisto di una vettura e, parallelamente, il forte sviluppo delle attività di car sharing, car pooling e forme analoghe di utilizzo non convenzionale dei mezzi.
Tali sviluppi, mentre sono spinti, tra l’altro, dalla crescita del ruolo della Cina nel settore, oltre che dalle crescenti preoccupazioni mondiali per l’inquinamento, comportano delle rilevanti conseguenze sul piano dell’assetto dell’industria, nonché sulla disponibilità di posti di lavoro e sulla caratteristiche dei processi di mobilità, all’interno in particolare delle grandi città e dei territori circostanti.
Intanto la Cina è ormai stabilmente e di gran lunga il principale mercato mondiale del settore, con vendite che sono ormai sostanzialmente pari a quelle di Stati Uniti e Unione Europea messi insieme. Le sue decisioni comportano ormai quindi conseguenze fondamentali su tutto il quadro.
Il paese asiatico sta progressivamente limitando lo spazio per le propulsioni tradizionali e spingendo invece per quelle elettriche, obbligando così in sostanza le principali case mondiali ad adeguarsi rapidamente.
L’inevitabile successo dell’auto elettrica comporterà pesanti conseguenze sull’industria componentistica e conseguentemente sull’occupazione. In effetti il nuovo tipo di vettura è più semplice di quello tradizionale e richiede molti meno componenti (grosso modo 7.000 parti contro le circa 30.000 dell’auto tradizionale), comportando così una molto più ridotta necessità di posti di lavoro.
L’ingresso in atto nel comparto di imprese nuove (Tesla e cinesi) e di società provenienti dall’economia digitale, che avanzano anche nel campo della vettura autonoma, ha come conseguenza poi una vita molto più difficile per i produttori tradizionali da una parte, mentre dall’altra ripropone pesanti conseguenze sull’occupazione.
In effetti l’avvento della vettura automatica, per le caratteristiche stesse di tale tecnologia, dovrebbe comportare a termine una pesante riduzione del livello di vendite, potendo le auto essere impiegate praticamente a tempo pieno nel corso della giornata, peraltro con modalità molto diverse da quelle attuali.
Tali sviluppi impongono parallelamente un forte ripensamento dei sistemi di mobilità urbana ed interurbana, anche se manca qui lo spazio per parlarne diffusamente.
Va anche considerata nel quadro, in prospettiva, la pratica scomparsa dell’attività degli autisti, ruolo che oggi occupa una fetta rilevante dei lavoratori a livello mondiale.
La situazione della Fiat
Va dato certamente a Marchionne il merito di avere nella sostanza salvato un gruppo che era ormai sull’orlo del fallimento e di essere riuscito a completare l’opera approfittando dell’occasione rappresentata dall’acquisto della Chrysler, azienda che è poi pure riuscito a rimettere in carreggiata.
Ovviamente tale operazione di risanamento poteva anche essere fatta con modalità differenti, evitando in particolare di aggredire con durezza il mondo del lavoro, peraltro con grande soddisfazione, a suo tempo, dei nostri governanti.
Comunque molte delle promesse del manager italo-svizzero non sono state tenute, da quella di grandi investimenti nel nostro paese, a quella del ritorno alla piena occupazione negli stabilimenti italiani (desta preoccupazione, oggi, in particolare la situazione di Pomigliano, Cassino, Mirafiori), a quella della produzione di 6-7 milioni di vetture all’anno ( oggi ne escono dalle linee poco più di 4 milioni) e di 400.000 unità per la sola Alfa Romeo (nel 2016 tra Alfa e Maserati si sono esitati in tutto 74.000 veicoli).
In ogni caso, la situazione economica del gruppo è migliorata sensibilmente e così anche quella finanziaria. Questo grazie, tra l’altro, alla crescita del redditivo mercato statunitense e ad una spinta del gruppo a migliorare il mix delle vetture vendute, con l’introduzione di modelli a più alti margini.
Ma oggi il quadro appare estremamente difficile.
Va intanto ricordato che sino a ieri i profitti per il gruppo sono arrivati prima dalla filiale brasiliana e, più di recente, almeno per il 90%, dalle vendite negli Stati Uniti. Ora il Brasile è in profonda crisi mentre le quote di mercato del gruppo crollano; nel mercato Usa si assiste intanto ad una riduzione delle vendite e ad una accresciuta concorrenza tra le case, ciò che comporterà quasi inevitabilmente una rilevante riduzione dei margini.
Intanto i modelli FCA non sono riusciti che molto limitatamente a penetrare sul mercato cinese e, più in generale, su quello asiatico, che oggi registra complessivamente il 55% delle vendite mondiali (circa un terzo del totale per quanto riguarda la sola Cina), mentre il rilancio dell’Alfa Romeo continua per molti versi ad essere problematico.
Va poi soprattutto considerato che mentre la FCA è comunque ancora oggi la compagnia meno redditiva e meno finanziariamente dotata di tutto il lotto, essa è anche quella che compie meno investimenti e stanzia meno risorse nella ricerca e sviluppo. In particolare e soprattutto il suo impegno nelle nuove tecnologie appare come il più debole di tutto il settore e può essere considerato come quasi irrilevante.
Così le scarse prospettive del gruppo che derivano da tale quadro non sembrano lasciare alcuna alternativa all’integrazione con un’altra casa del settore; vista poi la situazione, non si può apparentemente trattare che di una cessione al miglior offerente.
Tali conclusioni coincidono peraltro con la volontà della famiglia di liquidare la sua presenza nell’auto, così come, probabilmente, anche nell’altra grande sub-holding industriale, la CNH. Presumibilmente, ci si muoverà vendendo il tutto a pezzettini, dal momento che questa strada dovrebbe comportare il risultato di spuntare un prezzo complessivo maggiore.
Per quanto riguarda in particolare la FCA, si può ipotizzare che alla fine la Jeep-Chrysler vada a qualche casa americana e la Fiat ad un’azienda cinese. Per quanto riguarda Magneti Marelli e Comau, forse ci si dirige verso un’introduzione in Borsa che permetterebbe comunque alla famiglia di liberarsi progressivamente della partita, visto che la vendita diretta a qualche altra casa non sembra spuntare il prezzo desiderato dagli Agnelli; in relazione, infine, al possibile raggruppamento Alfa Romeo-Maserati l’incertezza sui possibili sbocchi regna sovrana.
Conclusioni
Appare inutile a questo punto sperare che qualche investitore privato italiano o il nostro operatore pubblico si facciano carico in prima persona di tutta la partita e compiano qualche miracolo. La situazione è quella che è. D’altro canto, bisogna cercare, comunque, da una parte di mantenere l’occupazione negli stabilimenti italiani, dall’altra di salvaguardare il rilevante patrimonio di competenze presente nel nostro paese per quanto riguarda più in generale le tecnologie del settore.
I segni del pericolo sono evidenti. Anche a parte le attività Fiat, il grande impianto Bosch di Bari presenta dei rilevanti ed immediati problemi di occupazione e ci si può preoccupare anche del futuro dell’importante centro di ricerca General Motors di Torino, che lavora con molta competenza sulle tecnologie diesel.
Alla fine, si può comunque immaginare di “salvare i mobili” con un intervento della Cassa Depositi e Prestiti, insieme a quello di qualche impresa estera, per mantenere sotto controllo nazionale, almeno parziale, la Magneti Marelli e la Comau, centri ricchi di know-how nel settore ed anche in altri campi più o meno contigui; il loro passaggio totale nelle mani del capitale straniero sarebbe per il nostro paese un evento catastrofico. Per quanto riguarda le attività auto specificamente Fiat, bisogna in qualche modo darsi da fare perché il possibile acquirente straniero, plausibilmente cinese, si impegni a mantenere l’attività e l’occupazione nel nostro paese.
In ogni caso non sembra in prospettiva esserci molto di cui rallegrarsi.

*Le riflessioni riportate sono in parte almeno anche derivanti da una partecipazione dell’autore ad un gruppo di lavoro sull’auto presso la Fondazione Sabattini di Bologna.

News - Italia

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

La nube di vapore

La nube di vapore
di Mario Faraone - Il volume La nube di vapore raccoglie una scelta dei contributi presentati in occasione delle due giornate di studio organizzate dall’associazione Apertamente di Monfalcone, ovvero Integrazione, nuovo confine? (2 ottobre 2010) e...

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945

La Brigata d’Assalto “Triestina” nella Zona di Operazioni Litorale Adriatico Una storia militare 1943 – 1945
di Enrico Cernigoi - Il libro, dedicato alla storia della Brigata d’Assalto Triestina, ne analizza l’aspetto militare tralasciando ogni riferimento politico già ampiamente analizzato dalla storiografia locale e nazionale. La storia della Brigata...

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.
  • 1
  • 2

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information