Apertamente

di Rosaria Iardino da Il campo delle Idee del 13/3/2017 - Un’efficace integrazione tra sanità e assistenza è essenziale per contenere l’aumento dei costi di cura derivanti dalla cronicizzazione dei pazienti e dall’invecchiamento della popolazione. Rispetto all’integrazione sociosanitaria possiamo individuare almeno due problemi: le diverse tipologie di strutture sociali e sanitarie non coprono ancora tutte le necessità di cura; gli strumenti di pianificazione zonale, sociale e sanitaria, vivono una fase di difficoltà dovuta alla carenza di risorse dedicate al welfare, e le Regioni non condividono le scelte strategiche con essenziali attori sociali, come le città metropolitane, le grandi città, o i comuni associati.

Leggi tutto...

News - Italia

di Karl Radek del 17/3/2017 - Prendete un fotografia della piazza grande di Monfalcone, una qualsiasi. Può essere stata scattata ai tempi di Francesco Giuseppe o a quelli di Mussolini, negli anni di De Gasperi o in quelli di Berlusconi. Ebbene, una cosa sarà sempre uguale: quella piazza sarà ogni volta, irrimediabilmente, quasi vuota. Perfino oggi, ai tempi della "Monfalcone liberata", sono in pochissimi a fruire di quello spazio pubblico. Perché ciò accade? Perché è sempre, SEMPRE, stato così?
Perché, se si escludono i mercati, qualche iniziativa sportiva e culturale o qualche manifestazione politica e sindacale, una piazza così grande viene molto spesso evitata dai monfalconesi?

Leggi tutto...

News - Cultura

di Dimitri Deliolanes da Sbilanciamoci.info del 14/3/2017 - Nonostante i vistosi fallimenti, è ancora il FMI a dettare legge nel paese europeo. E così, dopo anni di austerità, la Grecia sembra ritornata al punto di partenza
A sette anni di distanza la presenza del FMI nell’eurozona ha creato molti più problemi di quanti ne abbia risolti. A cominciare proprio dal caso greco, che sarà segnalato nei libri di storia come il fallimento più clamoroso in una storia, come quella del Fondo Monetario, in cui i fallimenti abbondano.

Leggi tutto...

News - Europa

di Luigi Oliveri da LaVoce.info del 28/2/2017 - Alla fine, la riforma Madia si rivela più una revisione della legge Brunetta che un passo verso una Pa più organizzata ed efficiente. Gli elementi di regolazione formale prevalgono sulle modalità operative. E restano tutte le contraddizioni dell’ordinamento del lavoro pubblico “privatizzato”. Riforma Madia dopo i decreti attuativi. La riforma della pubblica amministrazione avviata dal governo, con l’approvazione di una serie di schemi di decreti delegati attuativi della “riforma Madia” (legge 124/2015), appare soprattutto un ripensamento della precedente legge Brunetta, più che un vero passo verso una Pa meglio organizzata e più efficiente.

Leggi tutto...

News - Italia

di Mario Morroni da Sbilanciamoci.info del 1/3/2017 - Dalle politiche di austerità alle disuguaglianze e alla politica industriale. Nove dialoghi sulla crisi economica nel libro di Mario Morroni, appena uscito per Imprimatur. Tre economisti e una studentessa di antropologia sono bloccati dalla nebbia nella sala d’aspetto di un aeroporto inglese. La studentessa, che sa poco di economia, pone una serie di domande ai tre compagni di viaggio sui temi dell’austerità, dello stato sociale, dell’euro, del rapporto stato-mercato, del degrado ambientale e delle politiche industriali di fronte alla globalizzazione. I tre economisti sono quindi obbligati a evitare un linguaggio astratto e specialistico.

Leggi tutto...

News - Economia

di Francesco Cancellato da Linkiesta.it del 15/3/2017 -  Altro che «Dobbiamo tornare sui territori». La sinistra non si interessa di nulla fuori dalle grandi città. Risultato: la nostra “rust belt” dà spazio alle politiche di Lega e Cinquestelle, che guadagnano consenso. E in futuro sarà sempre più così. «Dobbiamo tornare sui territori». Se siete elettori di centro-sinistra e avete alle spalle un po’ di timbri sulla tessera elettorale avrete sentito questa frase almeno una decina di volte, in prossimità di ogni sconfitta, soprattutto di quelle inattese. In quelle quattro parole di auto-fustigazione c’è tutta la frustrazione di una nomenclatura che puntualmente si dimentica che il mondo non finisce a Roma, Milano, Torino, Napoli e che esistono stazioni da cui non passano Freccia Rossa e Freccia Bianca.

Leggi tutto...

News - Italia

di Massimo Baldini da LaVoce.info del 14/3/2017 - La legge delega contro la povertà è stata approvata definitivamente. La misura principale è l’introduzione del Rei, il reddito di inclusione. Avvia un processo che può portare in pochi anni l’Italia ad avere un reddito minimo universale. Cos’è il Rei. Il 9 marzo il Senato ha approvato il disegno di legge delega sul contrasto alla povertà, già passato alla Camera nel luglio 2016. Ora si attende il decreto legislativo per tradurne in pratica le principali indicazioni.
Si introduce una misura nazionale di contrasto della povertà assoluta, denominata Rei, cioè reddito di inclusione, che consiste in un trasferimento monetario riservato alle famiglie con Isee molto basso.

Leggi tutto...

News - Economia

di Alessio Conti da MicroMega del 2/3/2017 - Una delle sfide che le principali città italiane dovranno affrontare nei prossimi anni, sarà quella di riuscire a ricucire il proprio tessuto urbano dal punto di vista urbanistico, economico e sociale; da nord a sud ciò che accomuna queste realtà è il crescere della distanza tra il centro e le periferie, spazi che non rappresentano distanze fisiche ma che si declinano in gap sociali, economici e infrastrutturali, fenomeni di marginalizzazione individuali e di piccole realtà ai quali si deve porre rimedio guardando al benessere della collettività e allo sviluppo economico sostenibile locale. In questo contesto le Istituzioni hanno un ruolo chiave per indirizzare il cambiamento che passa anche dal voler recuperare e svolgere quel ruolo di guida nei processi sociali di trasformazione urbanistica che gli è proprio.

Leggi tutto...

News - Italia

di Karl Radekm del 6/3/2017 - Ci vorrebbe uno bravo, ma bravo davvero, per capire il rapporto psicologico che la destra monfalconese intrattiene con la piazza principale della città. Ci vorrebbe un Freud o magari uno Jung per spiegare come quello spazio urbano sia diventato nel contempo un'ossessione, un feticcio da adorare, una sorta di coperta di Linus da trascinarsi dietro in ogni occasione o da usare come manganello. È intorno all'ossessione per la piazza del nuovo nerboruto governo cittadino, infatti, che si è costruita la mistica della "Monfalcone liberata" e che si scorgono i tratti "culturali" della nuova amministrazione, come, allo stesso tempo, si possono intuire la sua idea di governo della città e quello che sarà il suo comportamento nei prossimi cinque anni.

Leggi tutto...

News - Cultura

di Giulio Mellinato da Reseach Gate del gennaio 2016 - «To... feed the main arteries of British commerce»: attività marittime ed intervento statale nell’età del vapore
Nella visione comune, i commerci internazionali hanno giocato un ruolo fondamentale nello sviluppo del mondo moderno, per numerosi decenni assumendo la forma prevalente dei traffici marittimi su lunga o lunghissima distanza. Associata all’immagine dell’esplosione commerciale del lungo XIX secolo, e della seconda metà del XX, spesso si colloca la prospettiva della capacità demiurgica di un mercato contrassegnato dalla libera circolazione di merci, uomini, capitali ed informazioni.

Leggi tutto...

News - Italia

Altri articoli...

Pagina 1 di 108

Inizio
Prec.
1

Quale orizzonte per la sinistra

Indagine SWG per Apertamente

Scarica l'indagine >>>

Galleria fotografica

Consigliati

Contro il fascismo oltre ogni frontiera

Contro il fascismo oltre ogni frontiera
di Marco Puppini - Questo libro di Nerina Fontanot, Anna Digiannantonio e Marco Puppini racconta l’avventura umana e politica straordinaria della famiglia Fontanot, avventura che si svolge attraverso mezza Europa dai primi anni del Novecento sino alla...

Aleksandrinke o les goriciens

Aleksandrinke o les goriciens
di Maria Pia Monteduro da Vespertilla - Inserito nell’interessante collana di gialli I luoghi del delitto, grazie alla quale “i lettori possono indagare aspetti sconosciuti di città notissime o di intere regioni”, il romanzo di Elena De Vecchi...

Di condizione precaria

Di condizione precaria
Nel corso di appena un ventennio il termine precarietà ha assunto una rilevanza
davvero significativa all’interno delle ricerche, delle analisi e delle teorizzazioni
delle scienze sociali.

Chi ha rubato il confine?

Chi ha rubato il confine?
Video - MAURO MANZIN è nato a Trieste nel 1960. Giornalista de Il Piccolo si occupa da oltre vent’anni di Balcani ed Europa dell’est. Ha pubblicato...

Tra padri e figli

Tra padri e figli
Franco Belci, attualmente segretario generale della Cgil del Friuli Venezia Giulia, è padre di due figli con i quali intesse in questo libro un intenso colloquio. Figlio di Corrado, parlamentare della Democrazia...

Il jihadista della porta accanto

Il jihadista della porta accanto
di Fouad Allam Khaled - Che cos'è l'ISIS e cosa si nasconde dietro la proclamazione del "Nuovo Califfato Globale"? Dove ci porterà il jihad lanciato contro l'Occidente che in pochi mesi...

Office at night

Office at night
di Guido Salvini - “Office at night. Appunti non ortodossi di un giudice” è il libro del giudice Guido Salvini ricco di riflessioni e scritti  pensati “quasi sempre a tarda sera nel Palazzo ormai deserto”....

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia

Doppio livello. Come si organizza la destabilizzazione in Italia
di Stefania Limiti - L'Italia e un paese sempre in cerca della verità, incapace di fare i conti col proprio passato. Il doppio livello non è la fotografia di una mente diabolica che avrebbe deciso i destini del nostro...

Ulderico e il figlio irrequieto

Ulderico e il figlio irrequieto
Dopo aver sfogliato gli album dei reportage africani di UldericoBressan, giovane ufficiale, serio eimpeccabile nella bella divisa biancae ascoltato i tanti racconti del figlio Carlo

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel

Il nuovo Jihadismo in Nord Africa e nel Sahel
A cura dell’ISPI (Istituto per gli Studi Politica Internazionale)

Le nostre parole

Le nostre parole
di Matteo Orfini - Rompere i paradigmi, ricostruire un linguaggio, il suo linguaggio: questa è la priorità della sinistra, se vuole "tornare avanti", se vuole ricominciare ad essere forza di cambiamento, di fronte...

Il signore del sorriso

Il signore del sorriso
Un racconto travolgente quanto la cavalcata che ha portato in trionfo il personaggio a cui è liberamente ispirato: Silvio Berlusconi. Tra realtà e finzione, l’ironia dell’autrice intesse una storia che si muove al passo di un destino predestinato,...

Il rumore dei morti

Il rumore dei morti
«Nel silenzio profondo, il rumore dei morti – a saperlo ascoltare – diventa musica. I morti hanno fretta più dei vivi che giustizia sia fatta e di andare… dove devono andare». La frase del professor Federico Gerace, protagonista di questo...

L'Orient Express di Dos Passos

L'Orient Express di Dos Passos
Ai luoghi e ai popoli che incontra Dos Passos guarda sempre attraverso la sua lente di viaggiatore occidentale. Non gli è estranea una visione “orientalista”. Tuttavia il libro "Orient Express" offre un ritratto prezioso sia degli osservati che...

La via dei conventi

La via dei conventi
Non un libro sul turismo religioso ma un approfondimento storico sul movimento ustascia in Croazia, prima e durante la Seconda guerra mondiale e sui suoi influssi e riflussi nella Jugoslavia titina. Una ricostruzione fatta sulla base di documenti doplomatici...

Prestiti scaduti

Prestiti scaduti
Sentivo la mancanza di Kostas Charitos. Mi domandavo che ne fosse di lui, se non gli fosse successo qualcosa, proprio come ci capita di pensare per un vecchio amico che non si fa vivo da un po’ di tempo. Ed ecco che è uscito il nuovo romanzo della...

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi

La P2 nei diari segreti di Tina Anselmi
A trent’anni dalla scoperta della P2, per la prima volta disponibili gli appunti segreti di Tina Anselmi, presidente della Commissione parlamentare sulla Loggia segreta, cui erano iscritti militari, agenti dei servizi segreti, parlamentari, ministri,...

La cavalcata dei morti

La cavalcata dei morti
Qualcuno ha bruciato vivo nella sua Mercedes un vecchio magnate della finanza e dell'industria. Forse è stato un ragazzo di banlieu, ma Adamsberg non ci crede. Ha bisogno di prendere tempo. Ed ecco gli arriva, dai boschi della Normandia, un omicidio...

Il memoriale della Repubblica

Il memoriale della Repubblica
«A distanza di oltre trent'anni dal rapimento e dalla morte di Aldo Moro, del cosiddetto memoriale restano duecentoquarantacinque fotocopie, che riproducono gli autografi dell'interrogatorio a cui il prigioniero fu sottoposto dalle Brigate rosse e...

Le stelle che stanno giù

Le stelle che stanno giù
Da una delle più autorevoli giornaliste bosniache, autrice di formidabili reportage per Nazione Indiana e Osservatorio dei Balcani, diciotto cronache, in gran parte inedite.

Metamorfosi etniche

Metamorfosi etniche
Questo libro, tesi di dottorato dell’autore, illustra la storia dei movimenti migratori da e per la Venezia Giulia e le dinamiche di appartenenza nazionale della sua popolazione a partire dallo scoppio della prima guerra mondiale fino al Trattato...

Le mie memorie

Le mie memorie
Da Aiello, piccolissimo paese del Friuli orientale, alla Cina passando dalla Russia dopo esser cresciuto in Brasile.

Trieste la città dei venti

Trieste la città dei venti
Su un molo del porto di Trieste non a caso c’è una rosa dei venti: Trieste è la città dei venti.

Ritornano le tigri della Malesia

Nel loro cuore c’è sempre lo scoglio di Mompracem. Le rughe sono aumentate, i capelli diventano grigi. Ma Sandokan non ha perso la sua temeraria irruenza. E Yanez de Gomera ostenta ancora la sua ironica flemma. Solcano il mare e la giungla al comando...

La notte della Repubblica

logo

L'Associazione, senza fini di lucro, ha lo scopo di promuovere e diffondere i valori e la cultura del riformismo, i valori della giustizia sociale e delle libertà civili. Nel solco della storia e della cultura del socialismo democratico e del liberalismo, l'Associazione si propone di affrontare i diversi temi politici, economici e sociali, attraverso il metodo dell'analisi e della discussione.
L'Associazione si propone di realizzare occasioni pubbliche di incontro e dibattito al fine di diffondere e radicare nella società un approccio intellettuale concreto ed oggettivo nell'analisi dei problemi del mondo contemporaneo, con particolare riguardo alla realtà locale/regionale.

Array

NOTA! Nel rispetto della Direttiva 2009/136/CE, continuando a navigare nel sito si accetta l'utilizzo dei cookies. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information